Un grande aiuto da Novosal

L’ IPERTENSIONE
delimiter image
STILE DI VITA

Chi ben comincia

Nell’alimentazione quotidiana il sodio deriva per:

• un massimo del 10% da alimenti che lo contengono naturalmente (acqua, frutta, verdura,carne, ecc.);

• un massimo del 36% dal sale aggiunto nella cucina casalinga o a tavola (sodio discrezionale);

• massimo del 54% da prodotti trasformati (artigianali e industriali) come piatti pronti, salse, affettati, pane …

(Fonte : programma MINISAL-GIRCSI Ministero della Salute/INRAN)

Da un punto di vista alimentare, una dieta con eccessivo consumo di cloruro di sodio (sale) insieme con una diminuita assunzione di potassio compromette i meccanismi di regolazione della pressione arteriosa aumentando le “resistenze” all’afflusso del sangue e dando luogo così, nei soggetti predisposti, all’ipertensione.

Tutto ciò ha indotto i medici, supportati da numerosi studi clinici perduranti ormai da più di trent’anni, a prescrivere in persone modicamente ipertese diete iposodiche e l’utilizzo del sale con un ridotto contenuto di sodio.

E’ altrettanto importante eliminare il fumo, ridurre il consumo di alcolici, tenere sottto controlo il peso e svolgere attività fisica regolare.